Internationalization

Sede delle Istituzioni italiane e vera e propria Capitale del Mediterraneo, ponte tra nuovi e vecchi mercati, Roma è la candidata ideale per promuovere l’internazionalizzazione, in entrata e in uscita. E l’internazionalizzazione è una delle fondamentali linee di sviluppo di Fiera Roma, che vuole esserne strumento a supporto delle imprese che intendono mettersi in luce all’estero e dei Paesi che desiderano farsi conoscere meglio in Italia.

Per vincere la propria sfida e compiere fino in fondo la sua missione di catalizzatore per l’economia del territorio e del Paese intero, la Fiera della Capitale deve farsi testa di ponte per entrare nei mercati stranieri. Le Fiere danno origine al 50% dell’export nazionale, costituiscono il principale strumento di promozione per il 75% delle imprese industriali e per l’85% delle PMI e il principale veicolo di diffusione dell’immagine del nostro Paese e del Made in Italy nel mondo.

Per raggiungere l’obiettivo, Fiera Roma non deve rincorrere modelli fieristici di altre realtà. Quello che serve è un abito su misura, capace di vestire la peculiare identità romana e mediterranea valorizzandone le enormi potenzialità. In quest’ottica sono già stati stretti numerosi accordi con realtà fieristiche di molti altri Paesi del mondo: Spagna, Grecia, Marocco, Iran, Israele, India, Scozia. Partnership strategiche destinate a creare sinergie progettuali importanti per l’Italia intera.